cabaret a luci rosse

Gioved' 7 marzo alle ore 21

Cabaret a luci rosse

Ironia, sensualità e resistenza dei vecchi e nuovi speakeasy da Schönberg a Weill

Cabaret a Luci Rosse è un concerto spettacolo che esplora il mondo e il repertorio del Cabaret di inizio
Novecento.
Un viaggio alla riscoperta del valore storico dei cabaret: non solo luoghi di intra enimento, ma anche
baluardi dell’espressione libera in cui grandi artisti , musicisti e letterati potevano esprimere liberamente la
propria arte.

Luoghi di dissenso, di ricerca, di avanguardia. Luoghi di rivendicazioni culturali, poli che e di
genere che sono sfuggi alla censura e sono state un faro e una guida fondamentale nell’epoca buia tra le
due Guerre.


La musica è la guida di questo viaggio. Un duo voce e pianoforte interpreta un repertorio ricchissimo che va
da dalle prime esperienze parigine legate alla gura di Erik Satie, passando per le pagine di Arnold
Schönberg, per approdare poi al repertorio di Kurt Weill, Eisler e Benjamin Britten.
All’origine di questo repertorio, una storia complessa e ricca di ideali, che rende ques brani — sia dal punto
di vista musicale che linguistico — composizioni di notevole rilevanza e spessore.

Le chansons, i songs e i lieder, eterogenei nei contenuti e nelle tematiche (amorose, sagtiriche, ironiche e a volte noir), nascono appositamente con determinate connotazioni proprio per i cabaret (come lo Chat Noir di Parigi o l’Überbre l di Berlino), per assolvere a compiti ben specifici. Molti di questi locali erano, infatti , simbolo di ribellione, di anticonformismo, di lotta. La musica si fece portavoce di disincanto, disillusione, di sarcasmo in seguito alla Grande Guerra e di resistenza durante la Seconda Guerra Mondiale.
Questo programma vorrebbe quindi proporre un assaggio, un’idea di un mondo composto di luoghi
suggestivi, affascinanti , misteriosi e surreali, dando la possibilità al pubblico di incontrare gli artisti che
coloravano il cabaret con le loro performance, immergendosi nelle musiche e nelle composizioni del
repertorio dell’epoca.

Programma

La Diva de L’Empire - Erik Satie
Berlin im licht - Kurt Weil
Complaint de la Seine - Kurt Weill
Galathea - Arnold Schoenberg
Gigerle e - Arnold Schoenberg
Ballade von jundenhure marie - Hanns Eisler
Tell me the truth about love - Benjamin Britten
Funeral Blues - Benjamin Britten
Johnny - Benjamin Britten
Calypso - Benjamin Britten

Clara La Licata

mezzosoprano, è una cantante e vocal performer specializzata nel repertorio
contemporaneo. Nella sua prtica canora-artistica cerca sempre di fondere tradizione e innovazione
a raverso linguaggi trasversali e interdisciplinari. Si è esibita in importan sedi, quali il Teatro Comunale di
Palermo, Bologna e Pordenone, al Ravenna Festival e allo stesso modo portando le performance musicali
anche in luoghi non convenzionali.


Matilde Bianchi

fin dall'infanzia è stata circondata da vari strumenti musicali, prediligendo il pianoforte. Vincitrice di numerosi concorsi, lavora come solista, concertista e ripetiteur. Ha debuttato in importanti sedi come il Teatro Comunale e al Teatro Manzoni di Bologna, al Rossini di Pesaro.

===========================================0

• L’evento è riservato ai soci 2023/24 (Arci, ArciGay, Uisp). Se non lo sei puoi tesserarti qui [is.gd/sLIxwg] o all’ingresso al costo di 10€, la tessera è valida fino al 30 settembre 2024 .
• E’ valida in tutti i circoli ARCI nazionali e dà diritto a queste convenzioni speciali [www.arci.it/convenzioni]
Contributo artistico € 7
===================================================
APERTURA TESSERAMENTO E CONVIVIALITÀ ORE 20:00
INIZIO LIVE ORE 21
===================================================
Il Laboratorio giù dall'Arca - piccolo Teatro di quartiere - si trova in Bolognina, in via Nicolò dall'arca 43/f

Articolo successivo Articolo precedente